Online seit 16 Jahren

Solo il fermo significa libertà

Solo il fermo significa libertà

Michaela Preiner

Foto: ( )

14.

Giugno 2022

Gli esseri umani vivono isolati dagli altri individui come esseri ibridi, controllati da un macchinario di intelligenza globale. Caroline Peters e Ledwald hanno fatto colpo all'Hamakom nell'ambito del Festival di Vienna.

Immagini che il suo raggio d’azione sia limitato a quattro pareti e che non le dispiaccia affatto, anzi, lo trovi addirittura comodo. Immagini di avere un assistente personale che si occupa di tutto per lei. La chiami Isadora e le parli come se fosse la sua migliore amica. Immagini che tutto sia organizzato in modo così comodo per lei che può persino ricevere gli amici al tavolo da pranzo virtuale. Immagini di essere completamente indipendente dal mondo esterno e di essere felice, solo che non esce mai perché ne ha paura.

Questa è esattamente l’ambientazione che Caroline Peters ha offerto con il gruppo Ledwald nello spettacolo “Die Maschine steht nicht still”. La produzione è una parafrasi di un testo di E.M. Forster “La macchina si ferma” del 1909 ed è stata creata come reazione alla pandemia in cui la maggior parte di noi è diventata molto più dipendente dai computer e da Internet.

I sorprendenti effetti visivi di Eric Dunlap, la guida permanente della telecamera dal vivo di Andrea Gabriel (responsabile anche dei video registrati) e il design di luci e suoni perfettamente coordinato da Lars Deutrich aggiungono un livello elettronico alla performance che non solo è assolutamente zeitgeisty, ma ha anche un senso qui. Il testo, adattato da Caroline Peters, racconta di una donna che un giorno riceve una telefonata da suo padre. Come lei, vive a 2,5 km di distanza da lei in un ambiente come quello descritto sopra, vuole dirle qualcosa e le chiede di mettersi in viaggio e di venire da lui non solo virtualmente, ma in carne e ossa.


Questa situazione iniziale mette la figlia in difficoltà, poiché deve lasciare il suo ambiente protettivo contro ogni ordine e andare in un terreno di cui non ha idea di cosa l’aspetta. Il controllo della mente è progredito a tal punto che qualsiasi esperimento al di fuori delle proprie quattro mura non sembra più desiderabile e si applica la massima: l’immobilità è un progresso e ciò che non provo non può andare male. Verso la fine, tuttavia, la figlia riesce effettivamente a liberarsi dalla sua compagna di monitoraggio Isadora, che invita immediatamente al confronto con Alexa, Siri o altri aiutanti elettronici attualmente attivi. Oltre alla descrizione della vita quotidiana, che Peters rende con grande abilità recitativa, sia che si tratti di una ricetta di cucina che vuole che Isadora metta in pratica, sia che si tratti di rispondere a chiamate vocali o di guardare lezioni video, è affascinante in più ruoli nella scena a tavola con gli amici invitati. Tutti sono stati registrati da lei in precedenza e, premendo un pulsante, si riuniscono intorno al tavolo apparecchiato nello spazio virtuale per – come è noto nella vita reale – mostrarsi, spaventarsi, stupirsi o essere ammirati, proprio come i rispettivi personaggi.

Lars Deutrich alla macchina del suono elettronica e Andrea Gabriel nel ruolo della muta Isadora, che cattura tutto con la sua telecamera dal vivo e allo stesso tempo lo salva, sono permanentemente presenti sul palco. Sia Peters che Gabriel indossano costumi verde veleno con un motivo a ragno – un simbolo di imprigionamento nella rete, che tuttavia viene percepito come chic ed essenziale. (Costumi Flora Miranda) Non è solo l’ambientazione illusionistica a colpire, ma anche il testo, che presenta tutta una serie di perle di frasi folgoranti come: “Dopo la pandemia, sappiamo che i virus e la tecnologia crescono in modo esponenziale”, “La conoscenza è una sorta di finzione”, “L’intelligenza profonda è solo un altro tipo di imbroglio” o “Al tempo il suo ciclo, al ciclo la sua libertà” – una riscrittura dello slogan di Hevesi impresso sulla Secessione di Vienna. Queste sono solo alcune, poche dichiarazioni che si vorrebbero leggere a casa per l’ulteriore abbondanza di idee filosofiche, bon mots e visioni del futuro.

Il finale intelligente e aperto lascia un sapore di sollievo e di paura allo stesso tempo e non sorvola in alcun modo sul futuro digitale in cui ci troviamo già.

Questo articolo è stato tradotto automaticamente con deepl.com
 

Dieser Artikel ist auch verfügbar auf: Tedesco Francese Inglese

Pin It on Pinterest