Online seit 16 Jahren

Julius Bürger – espulso e riscoperto I Il ritorno di un compositore viennese

Julius Bürger – espulso e riscoperto I Il ritorno di un compositore viennese

Michaela Preiner

Foto: (Benjamin Pieber - Herzog Media )

23.

Agosto 2023

La vita stessa scrive le storie più incredibili. Questa frase, spesso sentita o letta, è particolarmente vera per un concerto speciale.

La RSO, diretta da Gottfried Rabl, ha eseguito la prima austriaca di opere di Julius Bürger (1897-1995) nella grande sala di trasmissione della ORF RadioKulturhaus il 18 agosto 2023. E questo 18 anni dopo che il compositore ebreo è morto a New York all’età di 98 anni.

Portrait Buerger vor Klavier Brian Coats

Julius Bürger (foto: Brian Coats)

Il fatto che i brani siano stati eseguiti è stato possibile grazie agli ingegnosi sforzi di Ronald S. Pohl, un avvocato immobiliare di New York. Nel 1989 era stato assunto da Bürger per amministrare il patrimonio della moglie Rose, morta poco prima, e per destinare la maggior parte del denaro a giovani musicisti israeliani. Non sapendo ancora che Julius Bürger aveva al suo attivo una notevole opera compositiva, Pohl gli chiese se, a causa della sua età avanzata, non volesse occuparsi del suo patrimonio in tempo utile, il che si rivelò un colpo di fortuna. Bürger, nato e cresciuto a Vienna, si era trasferito a Berlino da giovane con i suoi compagni di studio e il suo insegnante di composizione Franz Schreker e in seguito aveva fatto il pendolare tra Londra, Parigi, Berlino e Vienna. L’invasione dell’Austria da parte di Hitler, tuttavia, lo allarmò a tal punto che riuscì a emigrare in America con sua moglie in tempo. Lì ottenne la cittadinanza americana, lavorò al Metropolitan Opera, ma anche per stazioni radiofoniche e televisive come direttore d’orchestra, arrangiatore e compositore su commissione, senza tuttavia abbandonare completamente il suo lavoro compositivo indipendente.

Fortunatamente, Bürger aveva trovato in Pohl un uomo d’azione. Egli fece di tutto per esaudire il desiderio del suo cliente di riascoltare il suo Concerto per violoncello del 1932, che era stato eseguito per la prima volta nel 1952 e non era più stato ascoltato dal 1991. Gli sforzi di Pohl ebbero successo. Dopo le esecuzioni negli Stati Uniti, il concerto fu suonato anche in Israele da quei musicisti che avevano ricevuto una borsa di studio da Rose Bürger. Solo dopo aver preso contatto con Gerold Gruber, il direttore del Centro Esilarte per la Musica Perseguitata presso il Mdw, e aver portato a Vienna il patrimonio musicale di Julius Bürger, è stato possibile eseguire un concerto delle sue opere anche qui. Se Pohl non avesse incontrato il compositore, si può supporre con grande certezza che le sue opere, raccolte in un piccolo mobile, sarebbero state eliminate dopo la sua morte, quando lasciò il suo appartamento.

La RSO Vienna suona Julius Bürger.

Foto: Benjamin Pieber – Herzog Media

Adagio per orchestra d’archi

La gamma di opere ascoltate a Vienna era ricca. L’apertura è stata affidata a un Adagio per orchestra d’archi del 1978, l’unica opera mai eseguita in Austria. Scorrendo dolcemente, si oscurava di nuovo e di nuovo brevemente per rivelare qualcosa di più drammatico. In alcuni punti, i violini bassi spingono letteralmente gli archi in momenti di tensione, ma vengono sempre superati. Alla fine, riescono a lasciarsi alle spalle il selvaggio, il male, il quasi indicibile, che si fa sentire ancora e ancora, e a lasciare che l’opera si concluda con una tenera eufonia.

Un’ottima scelta per la parte solista del concerto per violoncello, che è stata eseguita successivamente, è stata fatta con Anna Litvinenko. Impressionanti sono stati non solo i passaggi tecnicamente difficili, padroneggiati con bravura, ma soprattutto l’intimità e la sensibilità del suo assolo nell’ultimo movimento. La tecnica è solo una delle componenti di un’esibizione di successo, ma il riempimento dell’opera con l’anima fa la differenza che Litvinenko è riuscita a mostrare al pubblico.

Dopo una tranquilla introduzione, i fiati formano e rilasciano un ritmo pulsante che l’orchestra e il violoncello riprendono. Presto l’azione musicale diventa leggera e danzante e si sviluppa in un lento flusso in cui le pulsazioni ritmiche si ripetono. Ancora e ancora, il piccolo tema, che dura appena 3 battute, appare in tutta l’orchestra. Bürger lascia che il movimento si concluda solo con i fiati, supportati dal violoncello.

In seguito, il compositore dedicò il secondo movimento a sua madre, uccisa dai nazisti durante la marcia verso Auschwitz. Subito all’inizio, viene intonata una lunga e trascinante marcia e il tema del violoncello viene presto ripreso dall’oboe. Gli archi entrano con eleganza e vengono portati dallo strumento solista, che continua il tema. Il ductus trascinante si trasforma gradualmente in un luccichio generale e in una transizione del tema in uno scenario più luminoso con l’accompagnamento dell’arpa. L’atteggiamento rilassante e dolce non dura a lungo; presto il suono si annebbia di nuovo. Subisce un brusco agglomerato e si presenta con una lunga sequenza di fiati con disarmonie che risvegliano l’orchestra e la animano verso un evento selvaggio e cupo. Ora il violoncello ottiene un assolo che può essere descritto come privo di illusioni. Non c’è traccia di quel passaggio calmo e vitale con l’accompagnamento dell’arpa; piuttosto, sembra che il violoncello si sia arreso alle voci della violenza selvaggia. Logicamente, a questo segue un finale in cui l’orchestra, come all’inizio, riproduce la marcia trascinante. Conoscendo il destino della madre di Bürger, si può intuire quale ultimo momento di vita abbia catturato musicalmente.

Nel rapido terzo movimento, il violoncello reagisce in modo quasi cameristico ai singoli assoli strumentali. Ancora e ancora, passaggi tranquilli, spesso sostenuti dagli archi all’unisono, si contrappongono a quelli vivaci ascoltati in precedenza, che poi riprendono velocità con l’aiuto dei fiati in interazione con il violoncello. Il finale è un assolo di violoncello con una bella colorazione dinamica differenziata, seguito da un furioso evento finale di fiati e timpani. L’orchestra e il solista hanno giustamente ricevuto lunghi applausi per la loro performance.

Canzoni con accompagnamento sinfonico

Le seguenti due canzoni con accompagnamento sinfonico sono state interpretate da Matija Meić. “Legende” su testo di Christian Morgenstern e “Stille der Nacht” su testo di Gottfried Keller hanno permesso di fare paragoni musicali con Gustav Mahler. Quasi ogni battuta, ogni stato d’animo, ogni descrizione di uno stato del paesaggio, dell’anima o dell’azione riceve la sua espressione musicale nell’opera di Bürger. Sia che Gesù inizi a danzare inaspettatamente con una giovane donna prima di entrare nel Giardino del Getsemani e che questi passi esuberanti diventino udibili, sia che le onde del mare in Gottfried Keller scatenino ondate musicali nel corpo del suono, la musica e le parole si sostengono a vicenda in modo artistico. Il baritono di Meić suonava pieno, caldo e molto maturo, senza tuttavia mancare di una chiara enunciazione. È riuscito con facilità a lasciare l’ampio supporto sinfonico, una sfida per il cantante in queste opere, come tale e a contribuire vocalmente come uno strumento solista.

Entrambi i brani possono essere caratterizzati come piccoli poemi sinfonici, ma dotati di una forza epica che si avvale di un ampio strumentario e che li rende straordinariamente emozionanti. Ci piacerebbe ascoltarne di più.

La RSO Vienna suona Julius Bürger. Nella foto il baritono Matija Meić

Foto: Benjamin Pieber – Herzog Media

“Sinfonia Orientale”

Il concerto si è concluso con la “Sinfonia orientale” del 1931.
In 3 movimenti, si apre con un tema brillante dei fiati, a cui rispondono gli archi. Vengono evocati i ricordi di Gershwin, che aveva un anno in più, soprattutto attraverso i ritmi fortemente accentuati, che cambiano frequentemente. Come nelle canzoni precedenti, è sorprendente che Bürger mantenga l’intero strumentario orchestrale quasi costantemente in movimento. Non c’è quasi mai un passaggio in cui i musicisti non vengano messi alla prova allo stesso tempo, il che si rivela immensamente affascinante. I piatti, i timpani e la batteria danno il tono predominante, così come i fiati, e permettono al movimento di essere vissuto come un inno e progressivo.

Il secondo movimento inizia con l’oboe, ampiamente supportato dall’orchestra. I violini e i violoncelli rispondono in modo tale che l’intero corpo sonoro si riempie di un flusso e si può facilmente immaginare un paesaggio ampio e aperto. Ancora una volta è l’arpa che conduce al clarinetto, al fagotto e agli archi, oltre che ai legni morbidi. È questo vagare tematico strumentale e allo stesso tempo la continuazione dello stesso che rende questo movimento così interessante. Il ductus tranquillo viene mantenuto e anche la fine suona di conseguenza.

Come potrebbe essere altrimenti, il movimento finale inizia in modo furioso per tutta l’orchestra con una corsa sfrenata. Trombe e tamburi danno il ritmo veloce, che si calma solo con l’arpa e l’oboe e il tema cantato dagli archi. Ora sono i flauti a completare la descrizione del paesaggio. Come se seguissero un fiume con piccoli vortici d’acqua, i violini, sostenuti dal clarinetto, continuano in modo vivace, passando il testimone ai flauti. Con un’ultima, massiccia entrata orchestrale, il tema, presentato ancora una volta, conclude la bellissima opera.

Le caratteristiche della musica di Bürger sono inequivocabili e possono essere enunciate chiaramente. Come compositore, si colloca esteticamente tra il XIX e il XX secolo, da cui ha tratto non solo il coraggio di sfumare il suono, ma anche ritmi fino ad allora insoliti e una strumentazione nuova. Tuttavia, la sua tecnica compositiva è sempre chiaramente comprensibile, le strutture sono facilmente riconoscibili e – questo è ciò che distingue in particolare le opere sinfoniche di Bürger – affascina con una ricchezza musicale di colore per eccellenza.

L’Austria, in particolare Vienna, non ha fatto ammenda con questo concerto. Non c’è nulla di simile. La dichiarazione che è stata fatta, tuttavia, è chiara ed era più che necessaria. Prendersi cura delle proprietà dei compositori espulsi è un imperativo assoluto del momento. Il lavoro del Centro Exilarte del Mdw dovrebbe essere portato maggiormente alla conoscenza del pubblico. Una maggiore consapevolezza di questo capitolo inglorioso della storia della musica può almeno aiutare a garantire che il lavoro degli esiliati non venga consegnato all’oblio. Noi, che abbiamo la fortuna di essere postumi, possiamo partecipare attivamente a questo evento oppure – cosa da non sottovalutare – prendere d’assalto concerti come questo e riempire le sale fino all’ultimo posto. Così facendo, dimostriamo il nostro interesse e diamo alla musica ciò che la rende viva e che merita: la nostra totale attenzione.

f.l.t.r Prof. Gerold Gruber, Anna Litvinenko, Ronald S. Pohl, Gottfried Rabl

f.l.t.r Prof. Gerold Gruber, Josipa Bainac Hausknecht, Ronald S. Pohl, Gottfried Rabl (Foto: Ronald Pohl)

Dieser Artikel ist auch verfügbar auf: Tedesco Francese Inglese

Pin It on Pinterest