Online seit 16 Jahren

In una discarica si possono trovare tutti i tipi di cose

In una discarica si possono trovare tutti i tipi di cose

Michaela Preiner

Foto: ( )

23.

Giugno 2022

Durante le letture non ci si limita a conoscere un nuovo libro. Con un po' di fortuna, si impara anche qualcosa sulla personalità dell'autore. Wolf Haas ha aperto al pubblico dell'Orpheum di Graz una piccola finestra sulla storia di uno scrittore non comune.

Se vi siete mai chiesti chi sia il narratore che guarda costantemente alle spalle dell’antieroe Brenner nei romanzi gialli di Wolf Haas, dovreste assistere a una lettura dell’autore stesso.

A Graz, la sede di questa lettura è stata spostata con poco preavviso dalle casematte sullo Schlossberg all’Orpheum. La sede sullo Schlossberg era difficilmente raggiungibile con la ferrovia a cremagliera a causa di lavori di manutenzione. Nonostante il fine settimana prolungato e il caldo che si era appena instaurato, la sala dell’Orpheum non era affatto piena. Mentre le letture si svolgono di solito nelle librerie, una persona come Wolf Haas riempie sale più grandi. Da un lato ha una comunità di lettori fedeli, dall’altro molti lo conoscono grazie agli adattamenti cinematografici di alcuni dei suoi libri. Josef Hader interpreta l’ispettore Brenner, che lascia presto la polizia e deve risolvere molti casi da solo.

Da un lato, è proprio questo carattere speciale ad affascinare il pubblico dei lettori. Quest’uomo scontroso, solitario e allo stesso tempo amabile si infila in casi criminali contro la sua volontà e senza fare nulla.

Nel corso del processo, egli – come la maggior parte del pubblico – deve affrontare le avversità quotidiane, che cerca di evitare in modo altamente non convenzionale. D’altra parte, è anche la lingua facile che piace a molti. Nonostante questa leggerezza, i profondi problemi del mondo sono discussi en passant, come se fossero marginali. Questa speciale miscela garantisce un grande piacere di lettura.

Anche il suo nuovo romanzo “Müll”, che Haas ha letto a Graz, contiene tutti questi fattori. Non solo ha prestato la sua voce al narratore, ma si può avere l’impressione che il narratore sia una sorta di alter ego di Wolf Haas. Con il paradosso, però, che questo alter-ego, se dovesse prendere vita, non avrebbe molto in comune con lo scrittore stesso. Haas, infatti, lascia sul palcoscenico l’impressione di una persona calma, equilibrata e intellettuale, con un’elevata capacità di espressione linguistica. Il suo narratore, invece, parla con una serie di frasi ripetitive come “Non ci crederete”, “Non chiedete” o “Non dovete dimenticare una cosa” e ama fare commenti con frasi senza verbi. In “Rubbish”, questo slang si adatta come una seconda pelle ai personaggi che lo abitano: Sono i cosiddetti “Mistler” di una discarica viennese che trovano un cadavere smembrato nelle loro vasche di rifiuti. C’è un motivo per cui Simon Brenner è tra loro. Lui stesso ci lavora e considera il suo lavoro il migliore che abbia mai avuto. Che si tratti di Udo o del signor Nowak, del giovane stagista o dello stesso Brenner, Haas riesce a creare meravigliosi studi di carattere di uomini che, in quanto dipendenti fissi del Comune di Vienna, conoscono molti capi. Tuttavia, sono fieri dominatori del loro ambiente di lavoro, decidendo chi può o meno depositare il letame gratuitamente. I nostri clienti sono sempre attenti al corretto posizionamento dei rifiuti nelle apposite vaschette, e un piccolo suggerimento di solito porta a una particolare disponibilità – chi non conosce questa procedura in Austria?

Brenner vive in un elegante appartamento sopra i tetti della città, ma solo come “camminatore di letti”. Per questo motivo, utilizza appartamenti vuoti per trascorrere la notte, con il nobile obiettivo di non lasciare tracce.

La grande arte di Wolf Haas consiste nell’intrecciare temi di rilevanza sociale con una storia di crimine in un linguaggio che – pur essendo artistico – risulta sciolto e vaporoso, come se avesse raccolto e scritto ogni frase in osterie che tracannano birra o in festival di tende. Che si tratti del problema della spazzatura o della mafia degli organi, che si tratti di stress relazionale o di modi di vita borghesi, sembra che non ci sia nulla che Haas non possa affrontare in modo profondo e umoristico allo stesso tempo. Allo stesso tempo, la tragica storia di un uomo le cui parti del corpo sono finite in una discarica viene servita in bocconi facilmente digeribili.

Come surplus, Haas ha offerto al pubblico della sua lettura una storia molto divertente sulle difficoltà di traduzione dei suoi testi in giapponese. In “Müll”, le teste di traduzione inizieranno a fumare al più tardi nel punto in cui “Spuckerl” è il nome di un piccolo carrello di pulizia che Brenner mette in funzione – chiaramente non autorizzato. La scena in cui pulisce involontariamente le scarpe di centinaia di passanti a Vienna a causa di un difetto del sistema di spruzzatura del veicolo, che non può essere disattivato, non è solo una delle più umoristiche del libro. Inoltre, dimostra l’abilità letteraria di Haas nel far rivivere nella mente del lettore, con poche frasi, un’intera scena cinematografica.

Conclusione: le letture di Wolf Haas sono utili. Comunque, sto leggendo i suoi libri.

L’articolo è stato tradotto automaticamente con deepl.com
 

Dieser Artikel ist auch verfügbar auf: Tedesco Francese Inglese

Pin It on Pinterest