Online seit 16 Jahren

Animalismo e calcolo freddo

Animalismo e calcolo freddo

Michaela Preiner

Foto: (Danny Willems )

30.

Luglio 2022

Oscuro, minaccioso, sonnambolico, potente e poetico. Ecco come si presenta "Le mani non toccano il tuo prezioso me", con il sottotitolo omonimo "L'universo mescolato di Wim Vandekeybus, Charo Calvo & Olivier de Sagazan".

In questo lavoro, presentato all’Impuls Dance Festival presso il Volkstheater di Vienna, la coreografia di Vandekeybus e quella dell’artista visivo de Sagazan si intrecciano in modo del tutto armonioso, persino organico. La musica e il suono del compositore elettro-acustico e sound designer Charo Calvo supportano la natura oscura, animalesca e spesso violenta dell’azione, fino all’uso sorprendente del silenzio – che ha un senso drammaturgico in una scena.

22 WimVandekeybus UltimaVez Hands do not touch your precious Me c DannyWillems 10

Le mani non si toccano (Foto: Danny Willems)

Erwin Jans, il drammaturgo della produzione, spiega nel suo contributo al libretto del programma che Charo Calvo ha suggerito i miti della dea sumera Inanna e gli inni e le devozioni della sua sacerdotessa Enheduanna come possibile punto di partenza per la rappresentazione. Questi miti riguardano la dualità dell’uomo: il suo lato luminoso e radioso e il suo lato oscuro, che lo conduce agli inferi.

I miti sono caratterizzati dal fatto che rivelano fenomeni psicologici e sociali universali in modo tale da essere senza tempo e da poter essere interpretati in molti modi. Questo è esattamente ciò che si riflette in questo lavoro congiunto con l’ensemble Vandekeybus “Ultima Vez”. Se si vede l’opera senza alcuna conoscenza preliminare o riferimenti mitologici, diventa subito chiaro che si tratta di una narrazione che illumina gli incontri interpersonali che si ripetono sempre in questo o in un modo simile. Ma guarda anche a quegli oscuri abissi spirituali dell’essere umano in cui ognuno di noi può scivolare. L’opera racconta di un processo di trasformazione personale, che però si diffonde in un’intera società e la cambia drasticamente. Infine, il contenuto può anche essere interpretato come una semplice storia di gelosia con un piano perfido.

22 WimVandekeybus UltimaVez Hands do not touch your precious Me c DannyWillems 11

Le mani non si toccano (Foto: Danny Willems)

Indipendentemente dalla sua interpretazione, “Le mani non toccano il tuo prezioso io” vale la pena di essere visto sia per il lavoro di danza che per quello dell’artista visivo Olivier de Sagazan. Sul palcoscenico c’è un continuo andirivieni, una condensazione e un allontanamento di ballerini che reagiscono l’uno all’altro in modo artistico e riescono ad esprimere molte emozioni diverse con mezzi fisici. Innumerevoli movimenti di sollevamento, ma anche molte sequenze di danza sincronizzata a velocità mozzafiato sono così estetiche che non se ne può fare a meno.

Olivier de Sagazan, all’inizio ancora in scena come elfo etereo in un abito di lana bianca come partner di Lieve Meeussen, si trasforma nel corso dell’opera non solo in esseri ibridi animali-umani. Verso la fine, si comporta come una donna con il ventre aperto e insanguinato, la cui vista associa violenza e dolore. Con molta argilla e altrettanto sangue teatrale, il suo comportamento animalesco attira gradualmente tutti gli altri ballerini nel suo mondo sotterraneo parallelo. Il modo in cui de Sagazan si trasforma non è solo divertente, ma anche altamente spettacolare in alcune parti. Quando i suoi capelli finti bruciano sulla sua testa per minuti e continuano a brillare per molto tempo dopo, il pubblico trattiene il fiato. Il fuoco aperto sui palchi è ancora un momento di paura. Con la durata di questa scena di fuoco, non si può più parlare di un solo momento.

Solo Vandekeybus stesso, che riprende ripetutamente le scene con una telecamera dal vivo, che vengono proiettate come un’immagine fissa di grandi dimensioni su una superficie bianca sul palcoscenico, non si lascia prendere da questo scenario violento-grottesco. Come si scopre alla fine, si dimostra inaspettatamente un tiratore di corde senza emozioni e diventa il grande vincitore della storia. Non solo ha portato al suo fianco la donna che inizialmente lo aveva ignorato. È anche salito a capo di una società che ora – in totale contrasto con l’inizio – si riunisce intorno al suo grande tavolo allo stesso modo e gli rende omaggio in modo servile.

Da un lato, è l’intreccio intelligente delle diverse discipline artistiche che affascina. D’altra parte, sono l’attrazione drammaturgica e le performance di danza individuali e collettive che distinguono questa produzione e allo stesso tempo rivelano la firma coreografica di Vandekeybus. Impulstanz presenta una seconda produzione del multi-artista Vandekeybus in questa stagione. “Ricordi sparsi” – una retrospettiva di 35 anni di lavoro con Ultima Vez.

Questo articolo è stato tradotto automaticamente con deepl.com

Dieser Artikel ist auch verfügbar auf: Tedesco Francese Inglese

Pin It on Pinterest